Frosinone-Cremonese, Longo: “Siamo solo all’inizio. Non dobbiamo pensare di vincerle tutte 4-0. L’assenza di Ciofani ha influito”

Al termine di Frosinone-Cremonese mister Moreno Longo è intervenuto in sala stampa, queste le sue parole: 

“Frosinone col freno a mano tirato? Non condivido… Abbiamo cercato la vittoria fino all’ultimo secondo, dobbiamo elogiare i ragazzi per il fatto che ci hanno provato fino alla fine, ci è mancata qualcosa nella stoccata finale. E’ stato un’avversario che ci ha reso la vita difficile, ha vinto un campionato e gioca con lo stesso allenatore da tempo, ma abbiamo creato 4-5 palle importanti, la squadra ha fatto quello che doveva fare stando attenta a non concedere campo alle spalle.
Serviva più equilibrio tra le due fasce? Abbiamo lavorato bene a sinistra con Beghetto, ha messo dentro cross davvero importanti, sappiamo benissimo che un allenatore esperto come Tesser ci ha chiuso la strada esternamente.
A 20′ dalla fine la Cremonese ha dovuto cambiare addirittura modulo. La squadra per attitudine gioca più a sinistra, essendo Beghetto più offensivo di Matteo Ciofani. L’assenza di Daniel Ciofani? Ci è mancato, con i cross piovuti oggi dentro l’area avere Daniel sarebbe stato l’ideale ma chi ha giocato oggi ha messo dentro grandissimo spirito ed atteggiamento.
Frenesia nel portare avanti le azioni? Era la mia paura, c’era molta attesa, volontà di regalare una vittoria ai tifosi, al presidente, e questo poteva portare la squadra a ragionare con fretta e frenesia, quando abbiamo affrettato le giocate abbiamo mobilitato l’avversario, sapevamo benissimo poteva essere un elemento di disturbo. Rispetto l’opinione di chi dice di non aver gradito la partita, ma quando giocheremo male non verrò qui a raccontare favole; oggi abbiamo fatto una buona gara, non dobbiamo fare l’errore di pensare di vincere le partite sempre 4-0. Dobbiamo capire che dovremo sudarci questo campionato pallone su pallone, giocando con umiltà e lottando, saremo sulla strada buona. L’avvio non era semplice, la partita di oggi era difficoltosa. Se un punto in due partite farà cambiare qualcosa in vista di Novara? Continuiamo su questa strada che ad oggi sta pagando, non dobbiamo aver la frenesia di guardare troppo avanti né di ammazzare il campionato. Non è mai stato nei nostri pensieri di avere  20 punti in classifica ad oggi . Vogliamo giocarci il campionato fino al mese di aprile. Bisognava essere più cinici e spietati. Stasera è stata un’emozione grandissima c’è da fare un’applauso ai tifosi, non potevamo chiedere di meglio, proprio per questo non era facile gestire questo tipo di emozione, oggi questo stadio ha creato in loro un’emozione davvero notevole. I migliori in campo sono i portieri avversari? Sarei più preoccupato se la squadra non creasse occasioni da gol o se avessi “rubacchiato” qualche punto. Sappiamo di essere solo all’inizio.”